Author Topic: Nuovo Anno, Nuovi Vocaboli (naviteri.org)  (Read 1266 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline Ryceve Vrrtep'itan

  • Ketuwong
  • *
  • Posts: 41
  • Karma: 3
  • Eywa ayngengahu ta ryceve (alu Mr. Biso 甘大山)
    • Avatar Italia - the Italian Avatar Community
Nuovo Anno, Nuovi Vocaboli (naviteri.org)
« on: April 07, 2011, 05:53:03 am »
Nuovo Anno, Nuovi Vocaboli

http://avatar-italia.it/forum/index.php?/topic/2289-nuovo-anno-nuovo-vocabolario/

Kaltxì, ma eylan oeyä—

Come alcuni di voi sapranno, abbiamo in piedi una struttura in cui i membri della community inseriscono non solo richieste per nuove parole, ma dei veri e propri suggerimenti per nuove parole Na’vi. (Potete trovare informazioni sulla procedura su learnnavi.org.) Ho ricevuto la prima parte delle richieste diversi giorni fa e ne sono rimasto molto impressionato. In questo documento c’è molta creatività, per non parlare dello sforzo di tempo per mettere insieme anche esempi illustrati, etimologie,discussioni grammaticali, alternative….Tìkangkem atxantsan, ma frapo! Grazie a tutti coloro coinvolti e specialmente all’abile coordinatrice del progetto, Lawren. Irayo nìtxan, ma tsmuke!

Guardando i suggerimenti della commissione, Mi sono trovato a rispondere in diversi modi.

Per esempioe:

1. Perfetto! Mi piace!
2. Ottima idea—Ci farò solo qualche modifica.
3. Interessante e potenzialmente utile ma devo pensare alle ramificazioni e/o avere alcuni chiarimenti prima di inserirlo.
4. Ne vedo l’utilità ma lo farei diversamente.

Qui sotto troverete le parole appartenenti alle categorie 1 e 2. In alcuni casi ho praticamente fatto copia ed incolla dal documenti di Lawren, poiché non pensavo di poterle modificare. Inaltri casi ho apportato alcune modifiche. Se non ho incluso altri suggerimenti non significa che li abbia rifiutati, alcuni richiederanno più tempo per pensarci di quanto ne abbia avuto negli ultimi giorni. Perciò prendete in esame questa parte 1 e la seguente Parte 2.

E anche se il 12/1 del 2011 è storia,visto che ancora non l’ho detto: Mipa Zìsìt Lefpom, ma frapo!

ta Pawl

1. taKRRa /aKRRta (cong.) ‘da quando’ (temporale)

Aylì’fya yawne leru oer takrra ’eveng lamu.

O:

’Eveng lamu akrrta aylì’fya yawne leru oer.

‘Amo le lingue da quando ero bambino.’

Usando l’imperfetto (leru) trasmette il senso che l’attività sia in svolgimento; se fosse finita, usate il perfetto:

Sawtute zola’u akrrtapo ke ’olefu nitram.

‘Da quando la gente del cielo è arrivata, lei non è stata felice [e questo ora è cambiato].’

Quando si presentano alter parole che esprimono tempo in una frase, l’apposizione ta- è succifiente per dare il senso di “da quando”.

Trr’ongta Txon’ongvay po tolìran.

‘Ha camminato dall’alba al tramonto.’

2. few (ADP-) ‘attraverso, dirigendosi al lato opposto di’

NOTA: Questa nuova apposizione è distinta dalla precedente ka-, che significa “attraverso” nel senso di “coprire completamente” (e.g., “La mamma cosparge la glassa attraverso tutta la superficie e i lati della torta.” O “Non voleva altro che la pace in tutto il mondo.”)

Po spä few payfya fte smarit sivutx.

‘Saltò attraverso il fiume per inseguire la sua preda.’

Utral a lu few payfya a eo kelku oeyä tsawl lu nìtxan.

‘L’albero sul lato opposto del fiume davanti alla mia casa è molto alto.’

~ Forma derivata: FEWtusok (agg.), “opposto, sul lato opposto”

Nota: Nel linguaggio informale, la parola è spesso pronunciata fewtsok. Scrivendo, invece, si usa laforma estesa.

Oe kawkrr ne fewtusoka pa’o kilvanä ke kamä.

‘Non sono mai stato sull’altra sponda del fiume.’

3. SLA’tsu (vtr., infissi 12) ‘descrivere’

Pol sla’tsu ayioangit a tse’a fko mì Eywa’eveng*.

‘Lei descrive animali visti su Pandora.’

*Nota: In un contesto informale, Eywa’eveng può essere abbreviato in Eyweveng.

~ Forma derivata: tìsla’tsu (n.), “descrizione”



4. ’en (n.) intuire (intuizione informata)

Nota: Questa parola esprime una intuizione informata, non casuale alla cieca.

-Pelun fìtsengne nga zola’u fte tivaron?

-Lolu ’en.

‘-Perché sei venuto qui a cacciare?’

‘-è stata una intuizione.’

Fìuvanìri lu ngaru pxen nì’aw.

‘Hai solo tre tentativi in questo gioco.’

~ Forma derivata: ’en si ‘provare ad indovinare con cognizione’

Ke sterawm oel ke’ut mì na’rìng. ’En si oe, Sawtuteol tìlmok fìtsengit.

‘Non sento niente nella foresta. Credo che qualche persona del cielo fosse qui.’

~ Forma derivata: le’en (agg.), “speculativo, intuitivo” (di azione, non persona)

Eltu si. Hem le’en tsun lehrrap livu.

‘Attenzione. Una mossa azzardata potrebbe essere pericolosa.’

~ Forma derivata: nì’en (avv.), “in modo intuitivo”

Pol pole’un futa pehemsi nì’en.

‘Ha deciso il da farsi al volo.’

5. SÄ’o (n.) ‘attrezzo, utensile’

Na’viri txina sä’o tìtusaronä lu tsko swizaw.

‘Per i Na’vi l’arco e la freccia sono il principale utensile per la caccia.’



6. pamtseo si (vin.) ‘suonare, fare musica’

Per intendere che qualcuno suona uno strumento musicale, usare l’apposizione fa-.

Po pamtseo si fa aunìltsan nìtxan.

‘Lei suona molto bene il tamburo.’

Da notare che è possibile anchel’utilizzo di reykol, ma questa parola è considerate più “poetica,” e potrebbe quindi non essere adatto ad ogni strumento.

Tewti, nga lu tsulfätu i’enä. Ngal tsatreykìmol!

‘Wow, sei un maestro con l’i’en. Lo hai appena fatto cantare!’



7. väng (agg.) ‘assetato’

Menga ’efu väng srak?

‘Voi due siete assetati?’

~ Forma derivata: tìväng (n.), “sete”

Apxa tìvängìl poti steykoli.

‘(la sua) grande sete lo ha reso affamato.’

8. sngum (n.) ‘preoccupazione’

Per il verbo (preoccuparsi, essere preoccupato), usare il costrutto “lu DAT”:

Lu oeru sngum a saronyu ke tìyevätxaw.

‘Temo che i cacciatori non ritornino (presto, come atteso).’

~ Forma derivata: nìsngum (avv.), “nervosamente”

Swey lu fwa nga fìkem ke sivi nìsngum.

‘E’ meglio che tu non lo faccia nervosamente.’

(E’ meglio che tu non ti preoccupi a fare ciò.)

9. yaYAYR (n.) ‘confusione’

Per il verbo (essere confuso, essere disorientato), usare il costrutto “lu DAT” (come sngum)

Sawtuteyä hemìri lu awngaru yayayr.

‘L’azione della gente del cielo ci confonde.’

[Amo questa parola! Per qualche ragione suona proprio come la confusione.]



10. wäTE (vtr., infissi22) ‘discutere, contestare’

Sawtute lu ayvrrtep nìwotx a säfpìlit oel wäte.

‘Contesto l’idea che tutti gli uomini del cielo siano demoni.’

~ Forme derivate:

tìwäte (n.) (discussione, argomentazione)

säwäte (n.) (contesa, l’origine dell’argomentazione, la cosa contestata)

lewäte (n.) (antipatico,polemico)

nìwäte (polemicamente, a malincuore)

 

Become LearnNavi's friend on Facebook Follow LearnNavi on Twitter! Watch LearnNavi's videos on YouTube

SMF 2.0.15 | SMF © 2017, Simple Machines
Privacy Policy
| XHTML | RSS | WAP2 | Site Rules

LearnNavi is not affiliated with the official Avatar website,
James Cameron, LightStorm Entertainment or The Walt Disney Company.
All trademarks and servicemarks are the properties of their respective owners.
Images in the LearnNavi.org Forums and Gallery may not be used without permission.

LearnNavi Affiliates:
ToS

LearnNavi is the community to learn Na'vi, the Avatar Language
"A place where real friendships are made." -Paul Frommer

AvatarMeet | Learn Na'vi Forum | Learn Na'vi Wiki | Na'viteri

LearnNavi